7 consigli per il tuo prato per il mese di giugno

7 consigli per il tuo prato per il mese di giugno

Che trattamenti occorre fare al prato nel mese di giugno?

A Giugno si presentano i primi caldi estivi, le piogge diminuiscono, si accendono gli impianti di irrigazione, iniziano i pericoli da malattie fungine, fanno capolino le larve degli insetti dannosi ed arrivano prepotenti le infestanti estive.
Come fare per evitare danni al prato?
Ecco alcuni consigli per i trattamenti e le lavorazioni da effettuare nel mese di giugno:


1) Alzare il taglio

Consigliamo innanzitutto di alzare il taglio di circa 1 - 1,5cm rispetto a quello tenuto durante la primavera.
La regola fondamentale rimane sempre quella di non asportare mai più del 30% dell’altezza e controllare bene che le lame del rasaerba siano sempre affilate, nel caso affilale o sostituiscile.
Se effettui un taglio mulching ti consigliamo di raddoppiare la frequenza di taglio per facilitare la decomposizione delle parti sminuzzate.
Tenendo il prato fitto e compatto le infestanti estive non troveranno spazio per crescere e moriranno senza creare troppi danni.


2) Concimazione potassica

Nel caso non sia ancora stata effettuata a maggio, la concimazione per il mese di giugno è prevalentemente potassica (K). 
Il potassio ha azione antistress ed è fondamentale fornirlo al prato poiché ne fortifica le pareti cellulari così da permettergli di resistere alle alte temperature ed agli stress estivi.

Ti consigliamo di utilizzare un concime con almeno 20-30% di potassio ma senza trascurare l' azoto (solamente a lento rilascio!).
Ecco alcuni prodotti che potresti utilizzare:

-Summer K 10-0-30
-Slow K 13-5-20
-Autumn K 21-0-25


3) Biostimolazione del tappeto erboso

Soprattutto quando le temperature superano i 30° si consiglia di effettuare una biostimolazione per ridurre gli stress e sostenere il prato.
Come base per ogni biostimolazione consigliamo Always, un fertilizzante professionale per prato completamente organico estratto dalla canna da zucchero, a base di acidi umici e amminoacidi.
Se si desidera ottenere un'azione più potente in vista di intensi stress termici vi consigliamo il Pre Stress, ideale anche per prati in ombra.

Utilizzo per entrambi i prodotti: 100g diluiti in 10L di acqua per 100 mq di prato.
Applicare su foglia asciutta e non bagnare il prato per almeno 24 ore.


4) Irrigazione

L'arrivo del caldo implica l'accensione dell' impianto di irrigazione o comunque una maggiore necessità di acqua nel nostro prato.
L'errore più comune è quello di bagnare troppo!
Indicativamente, con l'arrivo del caldo intenso, al prato servono tra i 30 e i 35 litri al mq a settimana.
Consigliamo di suddividere questo quantitativo in 2 o massimo 3 irrigazioni abbondanti da effettuare rigorosamente al mattino presto.


5) Prevenzione dalle malattie

Giugno è il mese più pericoloso per quanto riguarda le malattie funginee del prato.
Per questo motivo ti consigliamo di prevenirne la comparsa tramite specifici prodotti:

- Trichoderma (Temperatura 15-25°)
Utilizzo: 50g da diluire in 15L di acqua per 100mq di giardino.
Ricordarsi di irrigare abbondantemente dopo l'uso.

- Bacillus subtilis (Temperatura 20-35°)
Utilizzo: 50g da diluire in 10L di acqua per 100mq di giardino.
Applicare su foglia asciutta e non bagnare il prato per almeno 24 ore.

- Fosfito di potassio, trattamento che favorisce l'irrobustimento della cotica erbosa e che attiva i meccanismi di autodifesa interni.
Utilizzo: 25g da diluire in 10L di acqua per 100mq di giardino.
Applicare su foglia asciutta e non bagnare il prato per almeno 24 ore.


6) Prevenzione dagli insetti

Oltre alle malattie funginee un'altra attenzione da avere è quella verso gli insetti, in particolare uova di coleotteri e lepidotteri si schiudono ed appaiono le larve.
Le larve si depositano nel sottosuolo e mangiano le radici del tappeto erboso provocando la morte di ampie zone di prato.
Anche in questo caso l'unica soluzione è la prevenzione utilizzando specifici prodotti naturali, noi vi proponiamo Fly.
Si tratta di microrganismi predatori in grado di rendere inospitale l’habitat per insetti nocivi.
Utilizzo: 30g da diluire in 15L di acqua per 100mq di giardino.
Ricordarsi di irrigare abbondantemente dopo l'uso.


7) Terreno

Come dicevamo prima è importantissimo che il terreno venga irrigato ma può capitare che il problema sia proprio che il terreno stesso non riesca ad assorbire l'acqua.
Questo fenomeno è tutt'altro che raro e può provocare ingiallimenti e difetti estetici al prato.
In questo caso si può agire con delle bucature con una forca e se non fosse ancora abbastanza si può ricorrere a trattamenti con agenti umettanti professionali come Water Plus o Water X.

Hai ancora dubbi o domande? Non esitare a contattarci, i nostri esperti ti risponderanno subito!

CONTATTACI